A CHI MOLTO È PERDONATO, MOLTO PERDONA

“A CHI MOLTO È PERDONATO, MOLTO PERDONA”

Ady Guzman – dejesus

Ady Guzman-DeJesus a lezione di vita in una semplice aula di tribunale. Si crea un pulpito perfetto per una predicazione shoccante! Come puoi pensare di perdonare un ragazzo che nel 2012 uccide tua figlia, se pur accidentalmente, con un proiettile al collo, solo per una presunta gara di virilità? Jordyn Howe aveva portato con sé una pistola sottratta dalla casa in cui viveva con la madre e il compagno per poterla mostrare ai suoi amici. Il ragazzo sapeva che la pistola era carica, ma per errore il colpo partì e colpì Lourdes al collo, causando la sua morte ad appena 13 anni. A distanza di tre anni dall’accaduto, madre e “figlio” si incontrano in un aula di tribunale a pattuire il futuro, ormai quasi certo, di un giovane incosciente. Non so quanti avrebbero avuto la forza, ma il ragazzo, senza altri termini se non delle scuse sincere, espone tutto il suo rammarico ad Ady che lo accoglie con un abbraccio. Non so quanto fosse consapevole che anni fa qualcuno appeso ad una croce accolse le colpe – e le conseguenti “scuse”- di un mondo a pezzi proprio alla stessa maniera, a braccia aperte. Fatto sta che grazie alla potenza di un perdono che può nascere solo dal Cielo, Jordyn passerà un anno in una struttura minorile nella Florida centrale. Dopo il suo rilascio, dovrà prestare servizio alla comunità e tenere discorsi nelle scuole sulla pericolosità delle armi da fuoco.

Non so quanti avrebbero avuto il coraggio di esporsi in tale maniera, né tantomeno rendere testimonianza concreta di tante parole che troppi sanno pronunciare. Una cosa è certa: il mondo sta aspettando la manifestazione di persone che vogliono dare alternative concrete che rifiutano l’odio e parlano di perdono, che rigettano il rancore e abbracciano l’amore, che combattono il silenzio con azioni che parlano, proprio come Ady Guzman-DeJesus.

E in questa attesa, mentre tu stai ancora pensando come e quando, noi ci stiamo alzando!

 

 

Mauro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *